Una selezione di vini all’insegna della qualità e della bontà

Vini cantina Palusci Vini cantina Palusci

La storia del vino si intreccia da sempre con la storia stessa dell'uomo: un rapporto così antico ed esclusivo che è praticamente impossibile rintracciarne l'origine, persa nella notte dell'età preistorica. Preziosa ed umile, la vite è presente in tutto il mondo, coltivata in ogni epoca secondo le tradizioni e gli usi del tempo. Nulla come il vino esprime il rapporto di continuità tra la terra e l'umanità: è ovunque, eppure ha bisogno della cura costante, della passione e dell'esperienza dell'uomo perché le sue dolci bacche si trasformino nell'elisir che riscalda l'anima e ci fa compagnia. Ogni vitigno esprime le caratteristiche specifiche del terreno in cui cresce, del sole che ne fa maturare i grappoli, del vento dolce che porta via l'umidità.

L'uva è il riassunto dell'ambiente che la circonda ed il vino il suo ambasciatore. E se, a volte, sembra che le ragioni del marketing e dell''immagine'' facciano ombra alle umili origini del vino perché non fermarsi un attimo e recuperare l'antico ed intimo rapporto? Accade proprio così nell'Azienda Agricola Marina Palusci in cui tutta la famiglia si impegna da quattro generazioni a mantenere integra l'antica arte di coltivare la terra, per produrre oli di altissima qualità e, dal 2009, vini sinceri e, per questo, veramente pregiati, ottenuti esclusivamente dalla lavorazione di vitigni autoctoni coltivati nel terroir a loro più congeniale: la tenuta di famiglia che si estende sulle dolci colline di Pianella, nel pescarese.

Qui tutto avviene nel rispetto dei tempi dettati dalla natura. I vitigni maturano lentamente ed è escluso l'uso di sostanze chimiche al di fuori dello zolfo e del rame. Solo quando il sole ha compiuto il suo lavoro le uve vengono raccolte a mano, pressate delicatamente per rispettarne tutte le caratteristiche e lasciate fermentare naturalmente, senza l'aggiunta di anidride solforosa e di solfiti.

Così sono le bucce stesse dell'uva a fornire i lieviti indigeni necessari alla fermentazione. Affinché arrivi sulla tavola un prodotto capace di raccontare tutta la storia, sua e dell'Abruzzo, Marina Palusci ha deciso di dare vita esclusivamente a vini 100% monovitigno: i bianchi Plenus Passerina e Plenus Pecorino, sontuosi e fruttati, il Moscato Rosa, elegante e floreale, ed il Montepulciano d'Abruzzo, piacevolmente ricco ed equilibrato. Queste sono le grandi etichette che la Trattoria ''Santa Ignoranza'' ha scelto di proporre nella sua Carta dei vini. Alta qualità, rispetto per la tradizione e per i preziosi doni della natura sono racchiusi in questi vini che ben sanno accompagnare i piatti tipici della cucina abruzzese con il loro gran carattere, il gusto inconfondibile, l'eleganza raggiunta attraverso una lavorazione che si può davvero definire artigianale, nel senso più nobile del termine.

Le carni fresche e saporite, i formaggi e i salumi d'Abruzzo e i dolci della casa che compongono il menù della ''Santa Ignoranza'' trovano così i compagni ideali, capaci di arricchirne ed esaltarne le caratteristiche uniche senza coprire le mille sfumature dei sapori genuini di una volta.

Perché questo è ciò che fa un vino naturale: accompagna l'uomo nel momento più prezioso, il pasto, attimo di pace, condivisione e convivialità.